salute & benessere > bellezza & cura del corpo

 

Camouflage, il trucco correttivo per nascondere i difetti del viso e di alcune parti del corpo

 

Il camouflage, o trucco correttivo, è una tecnica di maquillage per nascondere o minimizzare gli inestetismi cutanei.

 

Nata alla fine degli anni ’60 negli Stati Uniti, il camouflage si è diffuso successivamente anche in Europa, trovando crescente attenzione in ambito medico come ausilio terapeutico perché permette al paziente di superare il disagio psichico provocato dagli inestetismi della pelle, che possono diventare fonte di insicurezza, stress, ansia e depressione.

 

È possibile fare ricorso al camouflage sia sulla cute affetta da patologie, come nel caso di acne in fase attiva, vitiligine, angiomi e lesioni pigmentarie, sia sulla cute sana colpita da esiti cicatriziali causati da interventi chirurgici, traumi, ustioni, acne.

 

Il trucco correttivo è adatto anche per nascondere gli inestetismi temporanei (ematomi ed eritemi) provocati da interventi di medicina estetica quali rinoplastica, lifting o dermoabrasione.

 

Per mascherare gli inestetismi cutanei e creare sulla pelle un effetto naturale si utilizzano creme coprenti, correttori, ciprie e spray fissanti. Questi prodotti devono essere ipoallergenici, a lunga durata, con filtro solare e resistenti all’acqua (waterproof).

 

In caso di discromie, il camouflage è realizzato abbinando colori complementari o opposti per eliminare l’effetto cromatico indesiderato. Per gli inestetismi, invece, vengono usati prodotti con alta concentrazioni di pigmenti, che consentono di ottenere risultati coprenti uniformi e omogenei.

 

Ecco alcuni suggerimenti pratici per nascondere gli inestetismi più frequenti.

 

La couperose richiede l’utilizzo di un correttore di colore verde o giallo-arancio, poi l’applicazione di un fondotinta che abbia lo stesso colore della propria carnagione e di un velo di cipria.

 

Il camouflage per le macchie scure, determinate dall’avanzare dell’età o da eccessiva esposizione ai raggi solari senza adeguata protezione, si esegue con del correttore da stendere sulla zona interessata e un fondotinta con alta percentuali di pigmenti.

 

Le cicatrici da ustioni non sono molto facili da correggere. Di solito, per le cicatrici a solco si impiega del correttore ombreggiante, mentre per quelle ispessite si adopera del correttore chiaro.

 

In ogni caso, per ottenere un camouflage professionale bisogna rivolgersi a un dermatologo. Lo specialista, infatti, indicherà con accuratezza a quali cosmetici e a quali tonalità di colore fare ricorso per mascherare efficacemente l’inestetismo e conservare un aspetto quanto più naturale possibile.

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi