salute & benessere > dieta & nutrizione

 

Cottura a vapore: cucinare gli alimenti nel modo più salutare fa dimagrire

 

La cottura a vapore è una tecnica per cuocere il cibo molto diffusa nella cucina orientale che permette agli alimenti di conservare aromi, sapori e principi nutritivi: scegliendo questo tipo di cottura, i cibi cuociono a temperature relativamente basse (meno di 100°C), non entrano in contatto diretto con l’acqua e sali minerali e vitamine non si disperdono nel liquido di cottura.

 

Altro elemento di notevole interesse dal punto di vista dietetico-nutrizionale consiste nel fatto che la cottura a vapore consente di evitare del tutto, o comunque limitare fortemente, l’utilizzo dei condimenti. Le pietanze cucinate con questo metodo saranno sempre digeribili e leggere, e vi consentiranno di dimagrire in modo molto salutare.

 

La tecnica di cottura è piuttosto semplice. In pratica, l’alimento è disposto su una superficie permeabile o dotata di aperture che viene posizionata sopra una pentola in cui si trova del liquido in ebollizione, talora aromatizzato con erbe, spezie, vino o succo di limone.

In questo modo, il cibo assorbe gli aromi contenuti nel liquido ma non cede i propri, mentre i grassi sono eliminati perché colano nel liquido di cottura.

 

Sono disponibili in commercio diversi utensili per la cottura a vapore. Una scelta economica e pratica è rappresentata dai cestelli in acciaio o in bambù, che si adattano alle varie tipologie di pentole e casseruole che già si posseggono a casa.

 

Gli alimenti vanno posti nel cestello quando il liquido è in ebollizione e si è già formata una buona quantità di vapore. Successivamente, bisogna chiudere il recipiente con il coperchio, in maniera tale che l’acqua continui a bollire e il vapore circoli in modo uniforme.

Occorre prestare molta attenzione al fatto che il cibo non sia in contatto con il liquido contenuto nel recipiente.

 

Se volete cuocere a vapore più alimenti contemporaneamente, potete usare più cestelli sovrapposti all’interno di un recipiente delle giuste dimensioni, avendo cura di posizionare in basso i cibi che necessitano di temperature di cottura più elevate e in alto gli alimenti che hanno bisogno di temperature di cottura più basse.

 

La cottura a vapore è ideale per cucinare pesce, in particolare quello dalla carne delicata, come orate e spigole, e verdure, come spinaci, zucchine, asparagi, carote. Anche le patate risultano ottime se cucinate al vapore: cotte con la buccia, mantengono pressoché inalterate le qualità nutrizionali.

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi