salute & benessere > dieta & nutrizione

 

Dieta dissociata o dieta Hay

 

La dieta dissociata venne inventata nel 1911 da un medico americano, William Howard Hay, ed è nota appunto anche con il nome dieta Hay oppure Food combining. È curioso sottolineare come questa dieta fu inventata dal medico per se stesso che ammalatosi di una malattia rara decise di sottoporsi a questo regime alimentare che portò notevoli miglioramenti tra lo stupore dei medici che lo seguivano.

 

Regole base

Hay identificò le quattro cause principali degli accumuli non bilanciati di prodotti del metabolismo e della digestione che causano sovrappeso e problemi generali di salute. Queste quattro cause sono: eccessivo consumo di carne; eccessivo consumo di farinacei; sovralimentazione e assenza di conoscenza chimica della digestione.

Da qui le cinque regole che stanno alla base della dieta dissociata:

  • Non mangiare carboidrati ricchi di proteine con frutti acidi durante lo stesso pasto
  • Insalata, verdura e frutta come alimenti centrali della dieta
  • Limitare le quantità di grassi, proteine e amidi
  • Preferire grano integrale ed evitare cibi a base di farina bianca, margarina e zucchero
  • Differenziare i pasti e fare intercorrere circa 4 ore tra un pasto e quello successivo

 

L’associabilità

Bisogna gestire gli alimenti in base alla loro associabilità, per sintetizzare la teorie studia i meccanismi di digestione e conclude che le proteine hanno bisogno di una ambiente acido per essere smaltite mentre i carboidrati vengono digeriti meglio in un ambiente alcalino. Quindi è funzionale evitare di miscelare nello stesso pasto proteine e carboidrati per evitare che il meccanismo di digestione crei un ambiente troppo acido per la riduzione degli amidi e troppo poco acido per la digestione delle proteine.

 

Le critiche

Alcuni sostengono che questa teoria non abbia solide basi scientifiche e che, anzi, al contrario la scienza dimostri come una dieta bilanciata sia la migliore in termini di idoneità con un regime alimentare sano e quindi anche in un ottica di perdita di peso corporeo. Secondo molto studiosi quello che conta è ridurre l’apporto di calorie e che il dimagrimento non è in nessun modo legato al modo in cui sono distribuiti alimenti e tipi di nutrimenti nei pasti.

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi
Registrati a My892000 per creare la tua AGENDA, la tua RUBRICA e il tuo BLOCCO NOTE


My892000