salute & benessere > sport & fitness

 

Fitness in gravidanza, come fare ginnastica con il pancione (con tutorial video)

 

Quello della gravidanza è un momento molto delicato per il corpo della donna, che deve affrontare diverse modificazioni che coinvolgono lo scheletro, i muscoli e le articolazioni.

Una moderata attività motoria rappresenta un elemento di grande utilità per prevenire eventuali problemi connessi ai cambiamenti fisiologici e affrontare al meglio il periodo di gestazione e il parto.

 

La ginnastica pre-parto ha lo scopo di allenare quei muscoli, come addominali e pavimento pelvico, che dovranno sostenere notevoli sforzi nel momento in cui si darà alla luce il bambino, e di dare sollievo alla schiena, spesso soggetta a consistenti dolori durante la gravidanza. Altri esercizi, poi, mirano a tonificare e potenziare la muscolatura di braccia e gambe.

 

È inoltre fondamentale il miglioramento della funzionalità cardiovascolare per facilitare il controllo della respirazione, favorire il trasporto di sostanze nutritive e ossigeno ai tessuti e al feto e contenere la presenza di ristagno venoso negli arti inferiori.

 

Ancora, bisogna lavorare sull’equilibrio, in quanto lo spostamento del baricentro in avanti provocato dalla presenza del pancione comporta la necessità di continui adeguamenti posturali, e sul miglioramento della propriocezione, cioè sulla capacità di riconoscere la posizione corretta del proprio corpo nello spazio.

 

Per allenare la muscolatura senza sottoporre la gestante a sforzi eccessivi, sono particolarmente indicati esercizi di stretching e di tonificazione con carichi di lavoro contenuti.

 

Prima di dedicarsi a qualsiasi tipo di attività fisica, è indispensabile consultare il proprio ginecologo. Di norma, nel primo trimestre di gravidanza lo specialista sconsiglia alla donna di dedicarsi alla ginnastica pre-parto, dato che il rischio di aborto spontaneo è piuttosto elevato. Se il parere del ginecologo è favorevole, ci si concentra su esercizi di respirazione, riducendo i movimenti al minimo.

 

Nel secondo e terzo trimestre di gravidanza si può lavorare sulla tonificazione muscolare e praticare esercizi cardiovascolari. Con l’unica avvertenza di non eccedere negli allenamenti, che non mirano a rendere la donna più atletica ma a migliorare il suo stato di salute e a metterla nelle condizioni fisiche ottimali in vista del parto.

 

 

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi