salute & benessere > sport & fitness

 

Stretching, il metodo jolly per sport, vita sedentaria e riabilitazione 

 

Il termine inglese stretching (che significa ‘allungamento, stiramento’) indica l’insieme di esercizi compiuti per migliorare l’estensibilità muscolare.

 

Esistono diverse tipologie di stretching. Tra le più note, ricordiamo lo stretching balistico, molto in voga negli anni Settanta e Ottanta ma ormai obsoleto perché pericoloso a causa dell’elevato rischio di traumi muscolari; lo stretching dinamico, che prevede oscillazioni controllate che consentono di arrivare gradualmente ai limiti delle proprie capacità di escursione articolare; lo stretching statico, che rappresenta il sistema più noto, basato su posizioni che vengono raggiunte lentamente e mantenute per 15-30 secondi.

 

Lo stretching è solitamente utilizzato come attività complementare ad altri sport, da praticarsi sia prima delle sedute di allenamento (per sciogliere i muscoli e migliorare le proprie prestazioni fisiche) sia al termine del workout (per riportare la muscolatura in condizioni ottimali ed eliminare più velocemente l’acido lattico).

 

Tuttavia lo stretching è un’attività fisica completa che si può eseguire in modo autonomo, capace di apportare notevoli benefici ai muscoli, alle articolazioni e al sistema cardiorespiratorio; di migliorare la capacità di concentrazione; di contribuire a ridurre lo stress e l’ansia.

 

Durante gli esercizi di stretching è importante prestare attenzione alla respirazione, che deve essere lenta e regolare.

 

La medicina sportiva riconosce allo stretching una grande efficacia nel prevenire gli infortuni, in particolare stiramenti e strappi, e le malattie osteo-articolari.

 

Ma i benefici non finiscono qui. La pratica dell’allungamento muscolare, eseguita in modo corretto e con costanza, migliora agilità ed equilibrio, favorisce la coordinazione dei movimenti, stimola la lubrificazione articolare e rallenta la calcificazione del tessuto connettivo, incrementa l’elasticità di muscoli e tendini, stimola la circolazione sanguigna e migliora la respirazione.

 

Lo stretching non ha particolari controindicazioni. È una delle attività fisiche più comuni per chi necessita di trattamenti riabilitativi e propone esercizi adatti a persone di qualsiasi età e stato di forma, a condizione di iniziare gradualmente e non forzare mai i muscoli e le articolazioni.

 

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi
Registrati a My892000 per creare la tua AGENDA, la tua RUBRICA e il tuo BLOCCO NOTE


My892000