salute & benessere > viver sano

 

Vacanze al mare: allenarsi con il nuoto e la corsa sulla spiaggia

 

C’è il sole che bacia la pelle, c’è il mare che l’accarezza, e c’è la spiaggia su cui distendere il proprio corpo. Se non è un centro benessere naturale, poco ci manca. E anche le attività che si possono svolgere sono spesso sottovalutate. Molto spesso, infatti, alla luce si preferiscono strutture semi-illuminate e all’aria aperta quattro pareti prive di orizzonti.

 

Quanto faccia bene il nuoto è dimostrato innumerevoli testimonianze da parte di chi lo pratica e dagli specialisti.

 

Lo stile libero è un esercizio che non richiede una particolare preparazione teorica, l’equipaggiamento è essenziale e, anche d’estate, lo spazio non manca. Si può praticare da soli o in compagnia, lentamente o con un pizzico di competizione. E poi si possono tenere sotto controllo i progressi raggiunti.

 

I benefici sono evidenti. La muscolatura diventa più definita e tonica, le articolazioni più sciolte e il sistema cardiorespiratorio migliora. La perdita di peso è indiscussa e, con una costante attività associata a un regime alimentare equilibrato, si verifica in tempi record.

 

Persino stare seduti sulla battigia può dare sollievo grazie all’azione massaggiante, rilassante e rassodante dell’acqua del mare sulla pelle.

 

Chi non ama il nuoto, può scegliere la corsa sulla spiaggia. L’attività, seppur salutare, si rivela più faticosa rispetto a quella pratica su superfici pianeggianti o più stabili.

Lo sforzo richiesto alle articolazioni e ai muscoli delle gambe è superiore e, per i più allenati, passare gradualmente dalla sabbia bagnata a quella asciutta può risultare una scelta indovinata. È consigliabile mantenere un’andatura moderata per evitare distorsioni o problemi indesiderati alle articolazioni.

 

E se correre scalzi dà sempre una piacevole sensazione, per le persone più sensibili o gli abitudinari è preferibile indossare un paio di scarpe da ginnastica, comode e leggere. Meglio non fasciare il piede con le calze: non dà stabilità e crea una fastidiosa sensazione di umidità.

 

Presi dalla foga agonistica, occorre ricordare che una prolungata esposizione al sole può causare ustioni di diverso grado. T-shirt, copricapo e crema solare per la protezione dai colpi di calore e dagli indiscussi danni provocati dai raggi UV-A e UV-B rappresentano un toccasana.

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi
Registrati a My892000 per creare la tua AGENDA, la tua RUBRICA e il tuo BLOCCO NOTE


My892000