salute & benessere > viver sano

 

Vacanze e weekend alle terme tutto l’anno per ritemprare corpo e mente

 

Le vacanze alle terme sono roba da persone affette da patologie di vario genere? Niente affatto! Basta dare un’occhiata ai frequentatori delle decine e decine di strutture sparse lungo lo Stivale. Gli stabilimenti sono sempre più presi d’assalto non solo da chi affianca alle cure tradizionali nuovi trattamenti di prevenzione, ma anche da chi cerca oasi di relax e di benessere dove riabilitarsi da un punto di vista fisico e rigenerarsi da quello mentale.

 

Le stazioni termali italiane, in particolare, hanno una doppia marcia in più. Da un lato sono situate in alcune delle più suggestive località costiere: alla vacanza alle terme si possono quindi abbinare, per esempio, lunghe passeggiate alla scoperta dei territori vicini. Dall’altro, lo standard medio degli stabilimenti è in crescita. Al relax, dunque, si affianca un trattamento sempre più professionale ed efficace. Non a caso, i soggiorni alle terme negli ultimi anni sono diventate mete di sportivi famosi o illustri personaggi dello spettacolo. Cresce anche il numero di persone che decide di trascorre un periodo più o meno lungo anche con familiari, amici o solo con i figli.

 

Ma attenzione a non confondere le stazioni termali con i centri benessere. Le prime, infatti, rientrano nella generica categoria di centri terapeutici dove incamminarsi lungo un percorso di cura e prevenzione. Devono essere accreditate dal Ministero della Salute e una figura imprescindibile è rappresentata dal medico specialista che affianca il paziente.

 

Quando andare? Nonostante la presenza di pacchetti vantaggiosi proposti in occasione di festività o lunghi ponti, le terme sono generalmente aperte e frequentate tutto l’anno.

 

Oltre a non dimenticare che gli effetti benefici non sono immediati e che i trattamenti dovrebbero durare un paio di settimane, occorre tenere presente che le cure termali non sono consigliate a chi soffre di cirrosi epatica, estrema debilitazione, insufficienza respiratoria o vascolare coronarica, patologie infiammatorie in fase acuta, scompenso cardiaco.

 

Infine, prima di prenotare una vacanza termale, verificare se si rientra fra le categorie beneficiarie di riduzioni, parziali o totali, del costo del trattamento e persino delle spese di viaggio. Basta consultare il Servizio Sanitario Nazionale e gli enti assicurativi e di previdenza.

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi