viaggi > guide

 

GUIDA TURISTICA COPENHAGEN

 

Informazioni generali su Copenhagen

Copenhagen è la capitale nonché maggiore città della Danimarca. È moderna, tranquilla e ordinata ed è considerata una delle migliori città del mondo per qualità della vita e dei servizi, ideale per una vacanza in pieno relax. È situata sugli isolotti di Amager e di Sjælland (Selandia). La sua fondazione risale al dodicesimo secolo, quando la zona cominciò a popolarsi di nuclei di pescatori.

 

Cosa visitare

La città e i suoi dintorni vengono spesso descritti come luoghi dalle atmosfere fiabesche. In effetti, ubicazioni e gli stili costruttivi di edifici e monumenti di Copenhagen donano davvero l’impressione di vivere in un posto leggendario, molto lontano dai luoghi a cui siamo abituati.

Il Castello di Kronborg è una delle opere monumentali che maggiormente hanno contribuito ad elevare Copenhagen a luogo fiabesco. Patrimonio Mondiale UNESCO, vi è ambientata la tragedia shakespeariana dell’Amleto.

L’antica fabbrica della birra Carlsberg si trova nel quartiere di Vesterbro, a 2 chilometri dal centro. Una dettagliata visita guidata spiega le varie fasi di realizzazione e consente di assaggiare il prodotto finale. Appassionati e cultori possono creare la propria birra personalizzata miscelando i gusti presenti nell’Aroma Room. Nello store presente all’interno è possibile acquistare brand birrai praticamente introvabili altrove.

Consacrata a icona cittadina, la statua della “Sirenetta” è situata all’ingresso del porto. È dedicata all’omonima e famosissima opera realizzata dal poeta e scrittore Hans Christian Andersen

La cattedrale di Copenhagen è l’edificio religioso più importante della città. Realizzata nel 1829, è in stile neoclassico ed è abbellita da sontuose decorazioni. Si trova nei pressi dell’Università.

I Giardini di Tivoli sono tra le maggiori attrazioni oggi presenti nella capitale, essendo uno dei parchi di divertimento più antichi. Sono molto amati da famiglie e bambini per le numerose aree verdi e faunistiche presenti.

Non può mancare una visita alla Città Libera di Christiania, quartiere dotato di un’entità amministrativa parzialmente autonoma, fondato nel 1971 da un gruppo di hippie. Si trova nel distretto di Christianshavn.

Il Castello di Rosenborg è invece un edificio rinascimentale che troneggia in centro. Circondato da una ridente vegetazione, fu la residenza reale di Cristiano IV di Danimarca.

 

 

Cosa mangiare: piatti e cucina tipica

La colazione danese è molto simile a quella italiana, con latte, yogurt, pane e marmellata. A questi prodotti si aggiungono di solito fette di pane tostato, formaggi e salumi. La cucina danese tipica rispecchia quella tradizionale scandinava, con zuppe di ogni tipo come protagoniste in tavola: alesuppe, preparata con brodo vegetale e anguille; frugtsuppe, zuppa di albicocche, mele e prugne proposta sia come primo piatto che come dessert; ollebrod, una minestra di pane e birra.

I pesci più amati dalla popolazione sono l’aringa e il salmone. Vengono preparati in ogni modo e sono serviti con le immancabili brunede kartofler, patate bollite a cui viene aggiunta una piccola percentuale di zucchero.

 

Copenhagen e i mezzi di trasporto

Il sistema dei trasporti urbani è tra i migliori del mondo. Le reti viabili sono moderne, efficienti e ordinate. I collegamenti principali vengono garantiti dalla linea suburbana S-Tog e da quelle della metropolitana.

L’estesa diramazione di piste ciclabili consente ai turisti di muoversi agevolmente tramite le due ruote.

 

Cinema e spettacolo: curiosità su opere che contengono il luogo (film e libri)

La Danimarca ha ispirato la penna di illustri scrittori. Innanzitutto William Shakespeare, che qui ha ambientato la tragedia Amleto. Hans Christian Andersen è uno degli scrittori danesi più noti a tutti, perché sue sono alcune delle fiabe più amate dai bambini: tra queste ricordiamo La sirenetta e La piccola fiammiferaia. In tempi più recenti (1992) è stato scritto il romanzo Il senso di Smilla per la neve, di Peter Høeg. Da questo scritto è stato tratto il film omonimo, prodotto nel 1997 da un consorzio trinazionale.

Tra i film girati nella capitale danese citiamo Il pranzo di Babette di Gabriel Axel e Le onde del destino di Lars Von Trier.

 

Lo sapevi che…

Una copia della statua della Sirenetta si trova a Solveng, California.

In città si trovano alcuni tra i migliori ristoranti del mondo.

Uno dei generi musicali più amati è il jazz. Dal 1979 si svolge qui il Copenhagen Jazz Festival.

 

Itinerario: un itinerario consigliato

Una visita perfetta a Copenhagen non può escludere delle escursioni nel verde che inframmezza la città. Nelle zone in prossimità del parco Dyrehaven di Klampenborg è possibile passeggiare, fare un giro in bici e osservare animali che si muovono in piena libertà. Vicino alla stazione ferroviaria si può noleggiare una carrozza con cocchiere che permette di fare un giro romantico per la città.

Chi vuole percorrere a piedi le vie più belle della città può partire da Stroget, la via pedonale più lunga d’Europa, dove si affacciano le vetrine di negozi e locali di ogni tipo. Giunge quindi ad Amagertorv dove si trova la pittoresca fontana delle cicogne, e da qui arriva a Kongens Nytorv che porta fino al Nyhavn (Porto), il canale navigabile con innumerevoli battelli su cui si specchiano file di case dalla facciata variopinta.

 

Shopping: tutto ciò che bisogna comprare di “tipico” o “esclusivo”

Una delle principali vie della città, la Strøget street, offre al turista la possibilità di acquistare ogni tipo di oggetto desiderato, come gioielli, porcellane, vestiti d’alta moda. Un regalo di sicuro effetto per amici o parenti è rappresentato da cimeli e souvenir dedicati alla Carlsberg Beer.

 

Info utili

I collegamenti aerei sono garantiti dall’Aeroporto Internazionale Copenhagen-Kastrup.

La stazione centrale è il cuore dei collegamenti della città con il resto d’Europa e della Danimarca. Qui arrivano sia i treni, collegati con il resto d’Europa mediante il traghetto Rødby-Puttgarden, che i Pullman.

In auto si raggiunge Copenhagen attraversando la Svizzera attraversando (si passa per Lugano, Bellinzona e Basilea) e la Germania (via Francoforte, Kassel, Amburgo). Quindi si attraversa il ponte sul Grande Belt o si va a Puttgarden e ci si imbarca su un traghetto.

 

 

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi