viaggi > guide

 

GUIDA TURISTICA ISTANBUL

 

Informazioni generali su Istanbul

Istanbul, crocevia tra Oriente e Occidente, è situata su una penisola circondata dal Mar di Marmara, dal Bosforo e dal Corno d’Oro. È l’unica città al mondo a cavallo tra due continenti, l’Europa e l’Asia.

Tremila anni di storia, dalla fondazione ad opera di coloni greci nel 667 a.C., quando la città si chiamava Bisanzio, a quando divenne capitale dell’Impero romano d’Oriente, quando venne ribattezzata Costantinopoli. Nome che ha conservato anche in veste di capitale dell’Impero Ottomano. Quest’ultimo fu sconfitto durante la Prima Guerra Mondiale e cessò di esistere ufficialmente il 1° novembre 1992. Pochi mesi dopo, nel 1923, fu fondata la Repubblica di Turchia e la capitale venne spostata da Costantinopoli ad Ankara. Il nome Istanbul fu ufficializzato nel 1930. Nel 2010, Istanbul è stata la Capitale Europea della Cultura.

 

Cosa visitare

Istanbul vanta aree storiche che nel 1985 sono state dichiarate dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Si tratta dell’area del Parco Archeologico, del quartiere Solimano, dell’area attorno alla Moschea del quartiere Zeyrek, in precedenza Chiesa del Pantocrate, e delle mura della città.

Tra le principali attrazioni di Istanbul, la Chiesa di Santa Sofia (Aya Sofya), detta anche Chiesa della Divina Sapienza, convertita in moschea in seguito alla caduta di Costantinopoli. Da non perdere, inoltre, la Cisterna Basilica, di epoca bizantina, un tempo deposito per le acque della città, e la Moschea del Sultano Ahmet, più nota con il nome di Moschea Blu, per le maioliche di Iznik che ne rivestono l’interno. Né si può dimenticare il Gran Bazar, uno dei mercati più grandi e vivaci al mondo.

 

Cosa mangiare

Ingredienti di qualità, preparazione accurata, piatti dai più semplici ai più elaborati. Sono i tratti caratteristici della cucina di Istanbul.

Tra le preparazioni più note, anche in virtù della sua diffusione in tutto il mondo, si annovera il Döner Kebab (“arrosto che gira”). Altro piatto tipico sono le Köfte, polpette di carne macinata cucinate con spezie e cipolle e a volte arricchite con riso, verdure e uova. Prima delle portate principali, a Istanbul (e in tutta la Turchia) si serve una meze, ovvero una selezione di prodotti vari, spesso di tipo cremoso. Il pasto può iniziare anche con una zuppa (corba) leggera, preparata con lenticchie, con yogurt, o con frumento. In passato, le zuppe venivano consumate anche a colazione.

Tra le portate principali, caratteristiche della cucina di Istanbul, l’agnello al forno con purea di spinaci e formaggio adagiati su un letto di pasta sfoglia. Non mancano i dolci, come la Baklava, costituita di strati di pasta filo contenente noci tritate, e dolcificata con miele o sciroppo. Infine il caffè turco, che va bevuto solo dopo aver lasciato depositare sul fondo della tazzina il sedimento.

 

Istanbul e mezzi di trasporto

Istanbul è una delle metropoli più popolose al mondo. Si stima che nella città turca risiedano tra i 16 e i 19 milioni di abitanti. In attesa che il governo turco porti a compimento il Marmaray Project, un progetto che consiste nella costruzione di un tunnel ferroviario sottomarino sotto lo stretto del Bosforo e nella modernizzazione delle linee ferroviarie suburbane lungo il Mar di Marmara, per muoversi in città risultano ottimali i tram, gli autobus e i traghetti. Sono presenti anche due metropolitane, una leggera e una tradizionale. Istanbul è servita anche da due funicolari sotterranee. Non mancano ovviamente nemmeno i taxi.

 

Cinema e spettacolo

Istanbul ospita dal 1982 l’International Film Festival, organizzato ogni anno dalla Fondazione di Istanbul per la Cultura e l’Arte. C’è un “pezzo” di Istanbul anche in Italia, il regista e sceneggiatore turco naturalizzato italiano Ferzan Özpetek.

Tra i più noti film ambientati nella città di Istanbul, Fuga di mezzanotte diretto da Alan Parker e Agente 007 – Dalla Russia con amore diretto da Terence Young, il secondo film della saga di James Bond. E poi Topkapi diretto da Jules Dassin, Crossing the Bridge – The Sound of Istanbul e Ai confini del paradiso di Fatih Akin e The International per la regia di Tom Tykwer.

È nato a Istanbul Orhan Pamuk, insignito del Premio Nobel per la Letteratura nel 2006. «Ho trascorso la mia vita ad Istanbul, sulla riva europea, nelle case che si affacciavano sull’altra riva. Stare vicino all’acqua, guardando la riva di fronte, l’altro continente, mi ricordava sempre il mio posto nel mondo, ed era un bene. E poi, un giorno, è stato costruito un ponte che collegava le due rive del Bosforo. Quando sono salito sul ponte e ho guardato il panorama, ho capito che era ancora meglio, ancora più bello di vedere le due rive assieme. Ho capito che il meglio era essere un ponte fra due rive. Rivolgersi alle due rive senza appartenere», ha scritto Pamuk nel libro Istanbul. Pamuk ha ambientato a Istanbul anche Il castello bianco, Il mio nome è rosso, Il muso dell’innocenza, La nuova vita. Ha soggiornato a Istanbul lo scrittore italiano Edmondo de Amicis. Durante il soggiorno ha scritto Costantinopoli, romanzo pubblicato nel 1879. Tra le altre opere letterarie la cui trama si svolge a Istanbul, L’albero dei giannizzeri di Jason Goodwin, e La bastarda di Istanbul della scrittrice turca Elif Safak.

 

Lo sapevi che…

Galata. Il nome di questo quartiere di Istanbul deriva dalla parola greca “galà-ktòs”, latte. Da questa parola prende il nome la più nota squadra di calcio della Turchia, il Galatasaray.

Il diamante del fabbricante di cucchiai, custodito nel Palazzo di Topkapi, è il quinto diamante più grande del mondo. Qualcuno trovò il gioiello in cima a un cumulo di immondizie e, ritenendolo un falso, lo barattò per tre cucchiai.

 

Itinerari

È d’obbligo visitare le aree storiche di Istanbul nominate Patrimonio dell’Umanità. Il quartiere di Sultanahmet è il fulcro della città vecchia. Al suo interno, l’Ippodromo bizantino, dove un tempo le elezioni si decidevano a colpi di corse di bighe tra le fazioni politiche in lotta. Da non perdere, soprattutto per gli appassionati, i Musei Archeologici di Istanbul, e altra tappa obbliga è il Palazzo di Topkapi, con la Sala del Consiglio Imperiale, il Tesoro Imperiale, le Stanze del Santissimo Deposito, la Torre della Giustizia e l’Harem.

Istanbul è la porta di passaggio e di congiunzione di due continenti. E una crociera sul Bosforo porterà i visitatori proprio dal continente europeo a quello asiatico, e viceversa. Ideale è una traversata notturna, per godersi le luci della città che si riflettono sull’acqua.

Altro itinerario suggerito è un giro per il labirintico Kapali Carsi, il Gran Bazar.

 

Shopping

Istanbul è una delle capitali mondiali dello shopping. Non solo per il Gran Bazar. Da alcuni anni, infatti, la città turca ospita l’Istanbul Shopping Fest: 40 giorni e 40 notti dedicati interamente agli acquisti. Turisti e appassionati di shopping hanno l’imbarazzo della scelta. Le aree e le vie più note per lo shopping sono Beyoğlu, Kadıköy, Nişantaşı e Sultanahmet. Da non perdere il Misir Carsisi, conosciuto anche come Mercato Egiziano, un vero e proprio paradiso per gli amanti delle spezie e dei prodotti naturali. Vi si possono trovare, inoltre, saponette all’olio di oliva, frutta secca e il lokum, uno dei dolci tradizionali della Turchia. Nonché uno dei souvenir più gettonati, il viagra turco.

Tra gli oggetti d’artigianato più richiesti ci sono i tappeti. Ma Istanbul è famosa anche per le lavorazioni in pelle, in argento, in bronzo, per le ceramiche e le porcellane, per i ricami. Istanbul offre anche molteplici opportunità d’acquisto e di scelta per chi desidera capi di abbigliamento esclusivi. Per esempio, quelli firmati dalla giovane stilista Gönül Paksoy, che si ispira alla tradizione ottomana. Chi ama i gioielli dovrebbe fare un salto nel negozio Mor Taki, specializzato nel proporre creazioni in bronzo e in pietra.

 

Info utili

Istanbul è la città più importante della Turchia. Nonostante la capitale sia Ankara. Ed è pertanto la città meglio servita, con due aeroporti internazionali, Atatürk, dove confluiscono voli provenienti da Europa, Stati Uniti, Australia e Medio Oriente, e il Sabiha Gokçen International Airport a Kurtköy, sul lato asiatico della città, dove transitano voli dall’Europa gestiti da compagnia low-cost. L’aeroporto di Atatürk è situato a 23 km a ovest di Sultanahmet. Per raggiungere il centro di Istanbul si può prendere un taxi o un autobus diretto a Piazza Taksim.

Istanbul può essere raggiunta anche via treno. I convogli che partono dall’Europa fanno tappa alla stazione Sirkeci, dove è poi possibile prendere un tram che arriva a Sultanahmet e in altri luoghi centrali della città.

 

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi
Trova Farmacie