viaggi > guide

 

GUIDA TURISTICA VENEZIA

 

Informazioni generali su Venezia

Trovare una definizione capace di cogliere in sintesi l’essenza di Venezia è impossibile. È una città con caratteristiche assolutamente uniche, edificata al centro di un’area lagunare che conta 118 isolette sulle quali nei secoli il popolo veneziano ha saputo erigere costruzioni di straordinario pregio architettonico. Venezia è un vero e proprio museo a cielo aperto che si specchia nelle acque del Canal Grande e dei 116 canali più stretti che la innervano, scavalcati da oltre 400 ponti realizzati perlopiù in pietra, ma in qualche caso anche in legno o in ferro. Tanta bellezza unita a un valore artistico incommensurabile le hanno meritato il riconoscimento come Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO.

 

Cosa visitare

Cosa visitare a Venezia? Tutto! Perché qui tutto è unico impareggiabile e di inestimabile valore. Tra i monumenti più noti menzioniamo la Basilica di San Marco, magnifico esempio di architettura che salda armoniosamente lo stile romanico bizantino con il gotico tipico di Venezia; il campanile di San Marco, uno dei più alti d’Italia; il Palazzo Ducale, un capolavoro d’arte gotica veneziana che fu sede dell’antico Governo della Repubblica Serenissima e attualmente adibito a importante spazio museale; il Ponte di Rialto, che attraversa il Canal Grande, costruito alla fine del Cinquecento; il ponte dei Sospiri, che unisce il Palazzo Ducale con l’edificio delle Prigioni Nuove, così chiamato perché vi passavano sospirando i condannati prima di essere rinchiusi in cella; la Ca’ d’Oro, palazzo quattrocentesco che rappresenta una delle massime espressioni del gotico fiorito veneziano.

 

Cosa mangiare

La cucina veneziana fa uso prevalentemente di ingredienti poveri, come pesce e verdure abilmente amalgamate con spezie di ogni genere. Tra i piatti più tipici figura il baccalà cotto con abbondanti spezie, i risi e bisi, uno stracotto di riso abbondantemente condito con piselli, la pasta e fasoj, piatto contadino molto apprezzato, i bigoli, tipica pasta veneziana dall’impasto duro che veniva stesa dagli uomini di famiglia, il fegato alla veneziana, cotto con abbondante cipolla e aromi per addolcire il retrogusto amarognolo.

 

Mezzi di trasporto

La particolare configurazione urbanistica di Venezia rende il sistema di trasporti della città assolutamente unico. Oltre alla normale rete di autobus e tram attiva nell’area urbana che si estende sulla terraferma e nelle isole del Lido e di Pellestrina, esistono numerose tipologie di mezzi d’acqua che quotidianamente l’attraversano: vaporetti, dalla capienza di 250 persone a corsa, motoscafi, che possono trasportare mediamente 150, battelli foranei, capaci di portare fino a 250 persone e che collegano le varie isole della laguna, motonavi, che effettuano il collegamento con le isole più lontane in qualsiasi condizione meteorologica e ospitano fino a 1200 persone, motozattere (o ferry boat) impiegate per il trasporto di autoveicoli all’isola del Lido. A queste imbarcazioni moderne vanno aggiunte le gondole, uno dei simboli della città, che permettono ai turisti disposti a spendere cifre anche abbastanza ragguardevoli di fare dei brevi tour lungo gli stretti canali.   

 

Cinema e spettacolo

In questa unica e inimitabile realtà urbana è stato girato un gran numero di opere cinematografiche di produzione italiana e internazionale. Tra le più meritevoli menzioniamo Venezia, la luna e tu di Dino Risi, Anonimo Veneziano di Enrico Maria Salerno, Dimenticare Venezia di Franco Brusati, Casanova di Lasse Hallström e The Tourist di Florian Henckel.

Si deve ricordare che ogni anno dal 1932 tra fine agosto e inizio settembre, nella magnifica cornice dello storico Palazzo del Cinema in lungomare Marconi (zona Lido) si svolge la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, il cui premio – il Leone d’Oro – è uno dei massimi riconoscimenti a cui può ambire un cineasta.  

Il più noto romanzo ambientato in questa impareggiabile realtà urbana è Morte a Venezia di Thomas Mann. Più recente La Fontana della giovinezza di Irving Wallace, ma non va dimenticato che anche Shakespeare ha scelto la città lagunare per ambientare due delle sue opere teatrali più rappresentate: l’Otello e il Mercante di Venezia.

 

Lo sapevi che…

Il centro storico di Venezia è suddiviso in sei quartieri, detti sestieri: Cannaregio, Castello, Dorsoduro, Santa Croce, San Marco e San Polo. Le viuzze strette che percorrono le isolette dell’arcipelago veneziano sono denominate calli, mentre le piazze sono chiamate campi, tranne Piazza San Marco.

I canali principali della città sono due: il Canal Grande, che divide quasi a metà la città disegnando una S nella sua planimetria e il Canale della Giudecca, che separa il centro storico dall’isola della Giudecca.

La Repubblica Marinara di Venezia fu denominata la Serenissima per la sua antica, equilibrata e democratica gestione amministrativa.

 

Itinerari

Un itinerario che consente di visitare tutti i luoghi più caratteristici di Venezia muove da Piazzale Roma, antistante alla stazione ferroviaria. Da qui si va visitare la Chiesa degli Scalzi e la Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, per proseguire verso il Ponte di Rialto e quindi arrivare a Piazza San Marco, dove si possono ammirare la Basilica, il Campanile e il Palazzo Ducale. Altre tappe interessanti sono la Galleria dell’Accademia e la Chiesa di Santa Maria della Salute.

In ogni caso si può apprezzare pienamente la città semplicemente girovagando senza una meta prefissata tra le sue calli, costeggiando i suoi canali e scoprendo passo dopo passo sempre nuovi scorci di ineguagliabile suggestività.

 

Shopping

Fare shopping in una delle città più famose, artistiche e turistiche al mondo non è un’impresa difficile, in quanto in ogni calle e in ogni campo questa città presenta al turista negozi e botteghe, artigianali e non, dove si può trovare qualsiasi tipo di prodotto, da quello più fashion e di tendenza a quello di fattura più artigianale.

Paradossalmente, l’invasione del centro da parte di un numero forse eccessivo di esercizi commerciali rivolti quasi esclusivamente ai visitatori occasionali è indicato da molti come uno dei problemi di Venezia, oggi purtroppo sempre più simile a un parco di attrazioni per turisti che a una città la cui storia e cultura rappresentano una delle massime espressioni di civiltà del genere umano.

 

Info utili

A Venezia si può arrivare in auto, percorrendo il raccordo autostradale A4 da Torino e Trieste, A27 da Belluno e A13 da Bologna.

Il treno giunge alla stazione di Santa Lucia situata all’estremità settentrionale del centro storico, mentre chi viaggia in aereo atterra all’aeroporto Marco Polo, ben collegato con il centro di Venezia tramite mezzi pubblici urbani.

My892000
LA MIA AGENDA
LA MIA RUBRICA
LE MIE NOTE
LE MIE RICERCHE
chiudi